Skip navigation

Category Archives: Jean Marais

NonSoloProust

Jean Marais Orphée Jean Cocteau
Orfeo (Jean Marais)

Inizio del film, voce fuori campo di Cocteau:

“La leggenda di Orfeo ben conosciuta. Nella mitologia greca, Orfeo era un cantore della Tracia. Il suo canto affascinava anche gli animali ma lo distraeva dalla moglie Euridice. La Morte gliela tolse. Lui discese agli Inferi ed us il suo canto per ottenere di ricondurre Euridice nel mondo dei vivi. A condizione di non guardarla. Ma lui la guard e venne fatto a pezzi dalle Baccanti.
Dove si svolge la nostra storia, ed in quale epoca? E’ privilegio della leggenda essere senza tempo.
Fate come volete. Interpretate come volete…”

Ecco come lui, Cocteau, interpreta questa leggenda nel suo film.

Parigi, anni cinquanta. Durante una rissa al Caf des Potes, luogo di raduno di giovani artisti e scrittori, il celebre poeta Orfeo (Jean Marais) assiste ad un incidente nel corso del quale il diciottenne poeta Cgest (Edouard Dhermitte) muore, investito…

View original post 1,621 more words

Advertisements

Someday I will write some of my own thoughts, but today I post this article.

While he is perhaps more widely known for his lovely 1946 adaptation Beauty
and the Beast
, Jean Cocteau’s finest achievement is arguably Orpheus,
a 1950 update on the Greek myth of the same name.

Read More »

PREFACE

A man who dozes, his mouth half open, in front of a wood fire, lets slip some secrets from that night of the human body that is called the soul, over which he is no longer master.
Read More »